Per questo è necessario un NO

Un sì all'iniziativa per la disdetta avrebbe conseguenze fatali:

  • Abolizione della libera circolazione e della parità di diritti con il ritorno al sistema dei contingenti. Il risultato: aumenterebbero le discriminazioni e lo sfruttamento per mezzo del lavoro nero e del dumping salariale.
  • Rimessa in discussione dei salari minimi e dei contratti collettivi di lavoro obbligatori.
  • Rimessa in discussione di 40 000 controlli annuali e delle sanzioni per le aziende inadempienti svizzere o estere.

Noi lavoratori diciamo:

#AbolireINostriDirittiNo

L’abolizione della protezione dei salari e dei controlli nel mercato del lavoro spingerebbero ancora di più verso il basso i salari in Svizzera. È proprio questo l’obiettivo dell’UDC: il partito dei miliardari punta ad aumentare ancor di più i profitti di azionisti e imprenditori.

Noi lavoratori diciamo:

#AbbassareISalariNo

I diritti forti sono nell’interesse di tutti i lavoratori e tutte le lavoratrici, a prescindere dalla loro nazionalità. Di fronte all’aumento del lavoro precario, alle pressioni sui salari e al degrado delle condizioni di lavoro, dobbiamo unire le nostre forze e batterci per rafforzare i nostri diritti e difendere i salari svizzeri in Svizzera!

Noi lavoratori diciamo:

#ITuoiDirittiIMieiDiritti